davvero

L'innovazione di oggi, la salute di domani

Il podcast

davvero accompagna gli ascoltatori alla scoperta delle nuove cure, tecnologie e dispositivi che anticipano la salute di domani.

davvero trova e dà voce alle eccellenze italiane. Ascoltiamo dai diretti protagonisti come cambierà la salute nel prossimo futuro.

Le realtà coinvolte

Le realtà che si distinguono per eccellenza ed innovazione,
con cui abbiamo parlato ad oggi

Institute Physics for Medicine
Institut de la Vision
Janssen
Università degli Studi di Genova
Città della Salute di Torino
Università degli Studi di Milano
Università di Losanna
Institute for Bioengineering of Catalonia
Università di Göttingen
IRCCS Sacro Cuore Don Calabria
Università di Torino
Ospedale Policlinico San Martino
Università di Bologna
Istituto Italiano di Tecnologia
Fondazione AIRC
Ospedale San Paolo di Milano
Politecnico di Losanna
Scuola Superiore S.Anna di Pisa
Università di Pisa
Dico Technologies
Bio 3D Printing

Il format

Le scoperte che trasformeranno il mondo della salute.


Scoperte che faranno parte davvero del nostro domani, selezionate da Thatmorning e raccontate da Daniela Faggion, che in ogni puntata dà voce alle eccellenze italiane in prima persona.


Daniela ha una passione sfrenata per i numeri, le coincidenze, le cartine geografiche e il rock. Giornalista e copywriter, è autrice del manuale di organizzazione "Tutto a posto!" e ha collaborato con Corriere, Max, Panorama, Radio24, Rai Cinema e Yahoo!.

Le puntate

Prevenire malattie neurologiche sondando il cervello e attivando in modo mirato i neuroni

 11 minuti con: Anna Moroni
Erc Synergy Grant cervello neuroni

Il sogno dei neuroscienziati è quello di riuscire ad attivare o disattivare gruppi di neuroni in zone molto ristrette del cervello, per poter capire che funzione svolgono, ed eventualmente correggerle, se qualcosa va storto, come nelle malattie.

Anna Moroni è con noi per parlare del progetto NeuroSonoGene, uno dei 37 progetti premiati con il finanziamento più prestigioso fra quelli finanziati dal consiglio della ricerca europea, l' Erc Synergy Grant.

Disponibile dal 12 Marzo

Combattere il carcinoma polmonare grazie ad un profilo genetico preciso

 16 minuti con: Carlo Genova
profilo genetico mutazioni genetiche carcinoma polmone

Più il profilo genetico del paziente è preciso più la terapia del carcinoma al polmone può essere personalizzata e quindi efficace, perché la ricerca dimostra che le mutazioni genetiche hanno un ruolo fondamentale nell’evoluzione della malattia, e quindi nelle sue possibilità di cura.

Ne parliamo con Carlo Genova, coordinatore del gruppo multidisciplinare per la gestione delle neoplasie pleuro-polmonari dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino di Genova.

Ascolta questa puntata

Riattivare le cellule staminali per combattere depressione e Alzheimer

 15 minuti con: Francesco Petrelli
alzheimer depressione staminali cervello

Riattivare le cellule staminali neurali adulte nel cervello per aumentare la formazione di nuovi neuroni e combattere così malattie come depressione e Alzheimer.

Le cellule staminali neurali adulte originano e sono simili a quelle embrionali, cioè le stesse cellule che durante lo sviluppo embrionale generano quasi tutte le cellule del nostro cervello.

Ne parliamo con Francesco Petrelli, neurobiologo e ricercatore all'Università di Losanna, in Svizzera.

Ascolta questa puntata

Rivoluzionare il modo di comunicare delle persone impossibilitate a parlare

 13 minuti con: Aldo Padova
Comunicazione Aumentativa e Alternativa terapia intensiva

Un piccolo dispositivo in grado di tradurre i pochi movimenti consentiti ai pazienti in terapia intensiva, in una comunicazione attiva con le persone che si prendono cura di loro.

Uno strumento tecnologico, che permette ai pazienti in terapia intensiva di continuare a comunicare sia con il personale medico e infermieristico sia con i loro famigliari, magari costretti a stare lontano.

Ne parliamo con Aldo Padova, CEO di Dico Technologies.
Per sostenere il progetto clicca qui.

Ascolta questa puntata

Stampare parti di organi umani con la stampante 3D

 7 minuti con: Aurora de Acutis
Stampante 3D Organi De Acutis Università di Pisa

Usare liquido di cellule coltivato in vitro per creare, con una stampante 3D, vere e proprie parti di organi umani, del tutto simili e compatibili con il corpo del paziente che le ospiterà.

Ne parliamo con Aurora De Acutis, laureata in Ingegneria Biomedica con un postdoc in Ingegneria dell'informazione e assegnista di Ricerca presso il Centro di Ricerca dell’Università di Pisa e presidente della società Bio3DPrinting, spin-off dell’Università di Pisa...

Ascolta questa puntata

Rallentare la SLA con la mutazione nel gene SOD1

 8 minuti con: Adriano Chiò
SLA Chio Tofersen Molinette Torino

La Sclerosi Laterale Amiotrofica - SLA - è stata rallentata e addirittura fermata nei pazienti con mutazione del gene SOD1, grazie a Tofersen. Accade davvero a Torino, nell'ambito di uno studio internazionale.

Ne parliamo con Adriano Chiò, direttore del Centro regionale esperto per la SLA dell'Ospedale Molinette della Città della Salute di Torino.

Fa parte del Dipartimento di Neuroscienze Rita Levi Montalcini, sempre dell'Università di Torino, e ha coordinato la parte italiana dello studio...

Ascolta questa puntata

Tornare a sentire grazie alla luce

 12 minuti con: Carlo Matera
Matera Gorostiza Moser IBEC Göttingen

Tornare a sentire grazie alla luce per mezzo di una molecola che, attraverso impulsi luminosi, farà da interruttore per l'udito di chi non ci sente più.

Ne parliamo con Carlo Matera, chimico farmaceutico e ricercatore al Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell’Università di Milano.

Lo studio è del team internazionale guidato dal prof. Gorostiza dell'Istituto di Bioingegneria della Catalogna (IBEC) responsabile di uno studio, in collaborazione con il gruppo di ricerca del prof. Moser dell’Università di Göttingen...

Ascolta questa puntata

Una retina artificiale liquida per tornare a vedere

 10 minuti con: Simona Francia
Retinite pigmentosa Simona Francia Fabio Benfenati

Contrastare la retinite pigmentosa e tornare a vedere. Al momento a livello sperimentale, ma già con la prospettiva di trial clinici nel giro di pochi anni.

Ne parliamo con Simona Francia, ricercatrice post-dottorato all'Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, nel gruppo diretto dal professor Fabio Benvenuti, dove si occupa dello sviluppo della nuova tecnologia di una retina artificiale liquida iniettabile in modelli preclinici a stadi avanzati di retinite pigmentosa...

Ascolta questa puntata

Bloccare la comunicazione tra tumore e midollo osseo

 13 minuti con: Raffaella Chiaramonte
Mieloma RNA AIRC Raffaella Chiaramonte

Bloccare la comunicazione patologica fra tumore e midollo osseo e, di conseguenza, bloccare un mieloma. Sembrava impossibile fino a qualche tempo fa e invece adesso succede Davvero.

Ne parliamo con Raffaella Chiaramonte, docente di Patologia generale dell’Università Statale di Milano che lavora presso il Dipartimento di Scienze della Salute all’Ospedale San Paolo e ha coordinato uno studio finanziato da AIRC che sfrutta l’Rna come possibile componente di farmaci anti-mieloma...

Ascolta questa puntata

Insegnare al cuore a rigenerarsi e a riprendersi da un infarto

 13 minuti con: Gabriele D'Uva
Cuore Rigenerazione Infarto Alma Mater Studiorum

Insegnare al cuore a rigenerarsi. E a riprendersi meglio da un infarto. Possiamo farlo Davvero, grazie a uno studio dell’Università di Bologna.

Ne parliamo con Gabriele D’Uva, ricercatore e docente di Biologia Molecolare al Dipartimento di Medicina specialistica, diagnostica e sperimentale dell’Alma Mater Studiorum. Il gruppo di ricerca internazionale guidato da Gabriele si è interrogato sulla mancata capacità delle cellule del cuore di rigenerarsi, cosa che non succede ad altri tessuti del nostro corpo…

Ascolta questa puntata

Tornare a camminare con la stimolazione tramite elettrodi

 11 minuti con: Silvestro Micera
Elettrostimolazione Politecnico di Losanna Riabilitazione

Tre persone paralizzate tornano a camminare, nuotare, andare in bicicletta. Sembra fantascienza e invece succede davvero, grazie a elettrodi impiantati nel midollo spinale.

Ne parliamo con Silvestro Micera, professore di Neuroingegneria che lavora tra la Scuola Superiore S.Anna di Pisa ed il Politecnico di Losanna, istituto quest'ultimo che ha coordinato i lavori per restituire la possibilità di camminare a persone che avevano perso l'uso delle gambe a causa di danni permanenti alla spina dorsale...

Ascolta questa puntata

Vuoi proporci un argomento, parlarci del tuo progetto, o semplicemente darci il tuo parere?
 Scrivici e ti contatteremo!